Usa

‘Twitter odia gli ebrei!’ Laura Loomer si ammanetta al quartier generale della compagnia in una bizzarra protesta

'Twitter odia gli ebrei!'  Laura Loomer si ammanetta al quartier generale della compagnia in una bizzarra protesta (VIDEO)

Chiamando il CEO di Twitter Jack Dorsey per “i doppi standard che esistono qui su Twitter”, Loomer ha letto una lista di tweet offensivi che erano stati autorizzati a rimanere su Twitter mentre il suo stesso post criticava il parlamentare eletto Ilhan Omar per il suo presunto sostegno alla Sharia la legge le aveva vietato il ” discorso di odio “.utato di arrestarla, optando invece per istituire barricate per tenere le folle lontano dall’ingresso dell’edificio e permettendole di continuare a rivolgersi agli spettatori attraverso un megafono in miniatura. Un portavoce del Dipartimento di polizia di New York ha detto che è stata liberata due ore dopo l’inizio della protesta e che Twitter non ha voluto sporgere denuncia.

L’ex giornalista di RebelMedia sfoggiava una stella di David gialla in stile nazista sulla sua felpa, che leggeva #stopthebias sul retro. Loomer, come ha ricordato agli astanti almeno 20 volte durante la protesta, non è solo un giornalista, ma un giornalista ebreo .

Complici non identificati l’hanno aiutata a posizionare uno stendardo sulla porta confrontando i propri tweet con quelli di Louis Farrakhan, la cui famigerata battuta ” Non sono antisemita, sono anti-termite ” non ha comportato alcuna punizione online per la Nazione di Leader islamico

” Milioni di conservatori sono stati chiusi e censurati! “Loomer proclamò, diventando progressivamente più sconvolto mentre si scaldava verso il megafono. Ha chiamato l’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg un ” ebreo che odia se stesso ” e ha avvertito gli spettatori che se il Congresso non avesse approvato una legislazione per regolamentare le società dei social media, ” non rimarrà nessuno ” per impedire alla legge della Sharia di prendere il potere.

Fonte: RT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *